Occident Express (Haifa è nata per star ferma)

occident-5-ok

TEATRO STABILE DELL’UMBRIA
OFFICINE DELLA CULTURA
con il contributo di Regione Toscana

OCCIDENT EXPRESS
(HAIFA È NATA PER STAR FERMA)

scritto da Stefano Massini
uno spettacolo a cura di Enrico Fink e Ottavia Piccolo
con Ottavia Piccolo e l’Orchestra Multietnica di Arezzo
musiche composte e dirette da Enrico Fink
disegno luci Alfredo Piras

e con
Gianni Micheli (clarinetti e fisarmonica)
Massimo Ferri (oud, cümbüs, bouzouki, chitarra)
Luca Roccia Baldini (basso e contrabbasso)
Mariel Tahiraj (violino)
Leidy Natalia Orozco Rodriguez (viola)
Mariaclara Verdelli (violoncello)
Massimiliano Dragoni (salterio e percussioni)

assistente alla messa in scena Laura GiannoniSerena Fornari
direttore di scena Emiliano AusteriGianni Bernacchia
capo elettricista Paolo Bracciali
fonico Michele Pazzaglia
sarta Francesca Pieroni
amministratrice di compagnia Chiara Gallazzi
segretaria di compagnia Sara Toni
foto di scena Alessandro Botticelli
ufficio stampa Roberta Rem, Francesca Torcolini
scene IPSO FACTO
materiali tecnologici G.P. Service

Nel 2015 una donna anziana di Mosul si mise in fuga con la nipotina di 4 anni: ha percorso in tutto 5.000 chilometri, dall’Iraq fino al Baltico, attraverso la cosiddetta “rotta dei Balcani”. Questa è la sua incredibile storia. Occident Express è la cronaca di un viaggio. È il diario di una fuga. Occident Express è l’istantanea su un inferno a cielo aperto. Ma soprattutto è una storia vera, un piccolo pezzo di vita vissuta che compone il grande mosaico dell’umanità in cammino. Un racconto spietato fra parole e musica, senza un solo attimo di sosta: la terribile corsa per la sopravvivenza. La musica suonata dal vivo dall’Orchestra Multietnica di Arezzo contribuisce a raccontare i mille luoghi attraversati dalla protagonista nel suo viaggio; la fantasmagoria di ambienti, climi, spazi diversi. “Questa storia mi aiuta a non voltare la testa dall’altra parte. Mi metto in cammino con Haifa e dopo non sarò più la stessa.” Ottavia Piccolo.

Scheda spettacolo in pdf: Occident Express (Haifa è nata per star ferma)

Rassegna stampa – recensioni e interviste:
12.11.2018 – Occident Express al Teatro Creberg. Ottavia Piccolo racconta l’odissea contemporanea di una donna irachena (santalessandro.org – Sabrina Penteriani)
10.11.2018 – Occident Express (Haifa è nata per star ferma) – (Teatrionline.com – Martina Sperotto)
09.11.2018 – Io, Haifa in fuga da guerre e fame chiedo solo di vivere con dignità (Giornale di Vicenza – Lino Zonin)
06.11.2018 – Occident Express. Ottavia Piccolo e la storia di Haifa (klpteatro.it – Davide Sannia)
27.10.2018 – Una cupa Odissea femminile e attualissima (Il Giornale – Enrico Groppali)
24.10.2018 – Ottavia Piccolo interpreta Haifa al Teatro di Locarno (losguardooltreilconfine.blogspot.com – Cristina Radi)
23.10.2018 – Così il teatro difende il suo spazio nella realtà (La Repubblica – Anna Bandettini)
20.10.2018 – Occident Express – Piccolo Teatro Grassi (Milano) (Saltinaria.it – Ilaria Guidantoni)
19.10.2018 – Occident Express, “dall’altra parte” della morte (2duerighe.com – Raffaella Roversi)
16.10.2018 – Si chiama Haifa ma potrei essere io (Corriere della Sera – Maurizio Porro)
26.09.2018 – Occident Express (dentrolanotizia.eu – Tiziana Barbetta)
23.09.2018 – Tutte le donne in lotta hanno il volto di Haifa (Corriere della Sera – Francesca Angeleri)
25.04.2018 – Occident Express, Ottavia Piccolo narra di Haifa e del suo coraggioso migrare (VerveMagazine.it – Enrico Rosolino)
21.04.2018 – Ottavia Piccolo ripercorre al Teatro Biondo l’estremo viaggio dei rifugiati (Maredolce.com – Gabriele Bonafede)
19.04.2018 – OCCIDENT EXPRESS – a cura di Enrico Fink e Ottavia Piccolo (Sipario.it – Gigi Giacobbe)
14.04.2018 – Ottavia Piccolo ripercorre la vera Odissea di una migrante (Diario1984.it – Mariangela Scuderi)
12.04.2018 – Occident Express, l’estremo viaggio per la vita (Teatro.it – Loredana Audibert)
12.04.2018 – Haifa non è nata per stare ferma: Ottavia Piccolo immensa in Occident Express (SicilianPost.it – Laura Cavallaro)
12.04.2018 – Ottavia Piccolo, “aeterna puella” di immenso spessore (La Sicilia – Carmelita Celi)
12.04.2018 – Occident Express. Il viaggio di Haifa verso la speranza (La Sicilia – Beatrice Levi)
22.01.2018 – L’odissea di Haifa commuove il Teatro dei Marsi. Standing ovation per Ottavia Piccolo (Abruzzolive.it – Federico Falcone)
19.01.2018 – Teatro dei Marsi: Ottavia Piccolo una straordinaria viaggiatrice (TerreMarsicane.it)
18.01.2018 – “In teatro celebriamo il rito della ragione umana”, l’arte impegnata e sociale di Ottavia Piccolo (AbruzzoWeb.it – Loredana Lombardo)
31.12.2017 – Cinquemila chilometri a piedi con Ottavia Piccolo per sfuggire all’Isis  (Eastwest.eu – Emanuele Confortin)
11.11.2017 – Via dalla guerra, in fuga attraverso l’Europa (Il Manifesto – Gianfranco Capitta)
30.10.2017 – Successo per l’apertura della Stagione di Prosa (SpoletoOnLine.com)
30.10.2017 – Occident Express. Dell’epica e della distanza (TeatroeCritica.it – Ilaria Rossini)
28.10.2017 – Occident Express (SpoletoMix)
25.10.2017 – Occident Express – Haifa è nata per stare ferma (Radiophonica.it)
25.10.2017 – Occident Express (Haifa è nata per star ferma) Odissea che svuota l’anima (Teatro.Persinsala.it – Marco Zuccaccia)
24.10.2017 – Occident Express (Altrenotizie.it – Sara Michelucci)
23.10.2017 – Ottavia Piccolo è l’eroica Haifa in Occident Express (Umbriaecultura.it – Benedetta Tintillini)
20.10.2017 – Noi in fuga con Haifa da Mosul al Baltico (Corriere dell’Umbria – Sabrina Busiri Vici)
20.10.2017 – Vola ‘Occident Express’. Un debutto che conquista (La Nazione – Sofia Coletti)
20.10.2017 – Ottavia epica migrante (Avvenire – Michele Sciancalepore)
20.10.2017 – L’Umanità che trova scampo in teatro (UmbriaLeft.it – Isabella Rossi)
19.10.2017 – Occident Express al Teatro Morlacchi, la moderna Odissea di una donna (PerugiaToday.it – Sandro Francesco Allegrini)
19.10.2017 – Occident Express: il Teatro Stabile scommette sulla nostra sensibilità (Il Messaggero – Michele Bellucci)
18.10.2017 – “Occident Express” di Massini. A teatro l’Odissea di una profuga (Corriere della Sera – Emilia Costantini)